BIBLIOTECA

Sede
Come raggiungerci
Orari
Storia
Missione
Statistiche
Personale

LINKS DIOCESANI

Diocesi di Andria
Sacra Spina
Caritas
Casa Accoglienza

SEDE

Biblioteca diocesana "San Tommaso D'Aquino"
c/o piano terra del Seminario Vescovile
Largo Seminario, 8
cap 70031 - Andria (Ba)
tel. /fax 0883.542791

COME RAGGIUNGERCI

Dalla Stazione Ferroviaria Bari-Nord
All'uscita della stazione, girare a destra e seguire Viale Venezia Giulia, sino all'incrocio con Via Ferrucci. Girare a sinistra e seguire la medesima strada fino a Piazza Municipio.Qui girare a destra e scendere lungo Pendio San Lorenzo, continuare per Via Manthonè e al successivo incrocio girare per via Carmine. La biblioteca è in largo Seminario, in cima alla scalinata.

ORARI

Mattina: lunedì, mercoledì, venerdì dalle 9.30 alle 12.30
Pomeriggio: lunedì - venerdì dalle 16.00 alle 19.00

STORIA

Da circa sette anni la Diocesi e la città di Andria possono usufruire di un luogo indispensabile per la cultura e la formazione personale, la biblioteca diocesana, ubicata al pian terreno del Seminario Vescovile. Con il Seminario, nel 1705, nasceva anche la nostra biblioteca, fornita dei suoi primi testi dal vescovo dell'epoca, mons. Andrea Ariano. Nel corso dei secoli il fondo librario si è andato arricchendo e a volte impoverendo per il trasferimento del Seminario da Palazzo Volponi al Carmine. Negli anni '60 la prima sala della biblioteca del Seminario si apriva al pubblico: all'ultimo piano, in scaffali di legno, erano raccolti pochi libri - secondo i nostri parametri, molti per l'epoca - a disposizione di tutti. La sala di lettura prendeva il nome di Biblioteca popolare "San Pio X". Era una biblioteca per il popolo, per tutti, dedicata al papa umile e grande degli inizi del '900. Negli anni '70, con la legge regionale che riconosceva le biblioteche ecclesiastiche anche quella di Andria entrò nel numero delle biblioteche di interesse regionale. Grazie all'opera di mons. Agostino Superbo si dotò di nuovi locali ( il vecchio parlatoio del Seminario), e soprattutto di nuovi libri, acquistati o donati da famiglie e sacerdoti. Mentre era rettore don Felice Bacco, don Mimmo Sgaramella curò la sistemazione dei nuovi arrivi, finché grazie ai contributi CEI e all'interessamento di mons. Calabro, nel 1999, il 28 gennaio, la biblioteca riapriva i battenti con un nuovo nome: San Tommaso d' Aquino. Sotto le belle volte restaurate con il progetto dell'architetto Gabriella Di Gennaro, si potevano consultare i libri ben sistemati da volontari. Da tre anni ormai, grazie ad una convezione con il Comune di Andria e ad un contributo comunale, la biblioteca è regolarmente aperta. La CEI, la Direzione generale per i beni librari e gli istituti culturali e la Diocesi contribuiscono al continuo acquisto di nuovi testi e alla dotazione delle attrezzature multimediali.



MISSIONE

La Missione della biblioteca: libri e persone al servizio dell'uomo. La biblioteca intende assicurare a tutti un libero ed equo accesso alle informazioni e alle idee fornendo tutti i documenti disponibili: libri, riviste, video, cd audio, cd-rom, dvd. È dotata di una infrastruttura ad alto contenuto tecnologico che consente di offrire al pubblico l'accesso a nuovi servizi informativi come Internet. La Biblioteca, con il suo patrimonio, i suoi servizi tradizionali e innovativi intende essere per la comunità uno strumento privilegiato per acquisire le conoscenze necessarie per divenire persone competenti, responsabili e capaci di aiutare la società a rinnovarsi per dare risposte "appropriate" alle complesse problematiche spirituali, intellettuali e sociali che si trova a fronteggiare.

STATISTICHE UTENTI

GEN
FEB
MAR
APR
MAG
GIU
LUG
SETT
OTT
NOV
DIC
TOT
2009
2008
466
512
349
408
500
389
171
200
550
624
434
4603
2007
417
507
607
306
425
237
119
204
511
488
373
4194
2006
293
267
405
214
531
249
58
216
361
532
459
3585
2005
344
239
190
154
233
153
27
166
304
457
227
2494
2004
151
290
332
172
199
66
13
94
258
267
124
1966
2003
-
-
-
-
-
-
-
-
147
200
150
497

 


PERSONALE

Direttore: don Luigi Renna
Bibliotecarie: dott.ssa Silvana Campanile; dott.ssa Brigida Matera