wrapper

#Teranga: Pensieri in prestito - idee di Faber e Gaber

#La Téranga

“Pensieri in prestito – idee di Faber e Gaber” | Venerdì 19 luglio ore 21:00, c/o Casa Accoglienza “S. Maria Goretti”– Andria

Grazie alla Comunità “Migrantesliberi” il cortile della Casa Accoglienza “S. Maria Goretti”, in via Quarti 11, nel cuore del centro storico andriese, torna ad ospitare un nuovo appuntamento targato “La Téranga - Luglio Special Edition”.

Dopo il successo di Piero D’Argento e le sue letture su quanto scritto dal compianto Leogrande nel libro attualissimo “Uomini e caporali”, venerdì 19 luglio alle ore 21:00 sarà la volta dell’ass. “Il Nocciolo” che presenterà lo spettacolo “Pensieri in prestito – idee di Faber e Gaber” di Nicola Tortora; voce: Vincenzo Vasca; chitarra: Antonio Di Corato e percussioni: Max Sgaramella. Uno spettacolo, liberamente ispirato dal libro “Tu prova ad avere un’idea, ripensando a De André e Gaber”, nato dall’idea di mettere a confronto i due artisti anche se definirli tali oltre ad esser sbrigativo appare quanto meno incompleto.

Il monologo racconta di un uomo o una donna - fate voi - in piena crisi, attanagliato da dilemmi che è cosciente di avere. Invoca la comunità a farsi avanti, giudica gli altri, ma alla fine si rivolge sempre a se stesso, non per individualismo ma per ripulire i suoi pensieri da tradizioni e valori che ne ingessano il proprio spirito libero. Lo spirito che passa dalla religione, veicolo di persone e valori, per arrivare alla politica mezzo sulla quale il sistema si regge e del quale si serve per intrappolarlo nella sua angoscia, sino al consumismo materiale e psichico che è il vero fine del sistema che lui cerca prima di spiegare e poi di affrontare.

Dopo lo spettacolo, seguirà un momento conviviale con l’apericena targato #LaTéranga e la sua valida occasione di confronto e di degustazione di piatti tipici dal mondo.

Venerdì 26 luglio alle ore 21:00 torna, come ogni mese, l’appuntamento con la cena #LaTéranga nel cortile di Casa Accoglienza. I piatti, che permetteranno di viaggiare in Africa, ma anche in Asia e, perché no, fare un giro attorno alle nostre terre con i prodotti dell’orto sociale Ubuntu (progetto #LaTéranga), saranno intervallati da momenti di confronto e di riflessione, leggera ma non troppo, delle storie di uomini; e che siano bianchi o neri, è un dettaglio di poco conto dal momento che a noi, a tutti noi, interessa l’umanità intera!

Saranno benvenuti tutti ai nostri eventi, anche coloro che mal pensano e che non disdegnano il confronto… la sfida è nelle vostre mani. Vi aspettiamo!

Per i singoli eventi è gradita la prenotazione 389/1764748 - 320/4799463.

Don Geremia Acri e i volontari della Comunità “Migrantesliberi”

Read more

La Téranga

#La Téranga

3 appuntamenti con la cucina dal mondo e la cultura dell’inclusione c/o la Casa Accoglienza "S.M. Goretti" della diocesi di Andria

Accogliere l’altro, ogni altro, è sempre una prova o una minaccia che genera paura e preoccupazione, l’unico modo per vincerla è l’incontro.

Il cortile di Casa Accoglienza “S.M. Goretti”, in via Quarti 11, nel cuore del centro storico andriese, sarà la cornice dei tre eventi di Luglio targati #LaTéranga, promossi dalla Comunità Migrantesliberi.

Approfittando delle belle serate estive, l’appuntamento con la cucina e le storie dal mondo si triplica e si arricchisce di ulteriori elementi che conferiscono all’evento un ulteriore elemento di originalità.

Primo appuntamento venerdì 12 luglio alle ore 19:00 Piero D’Argento legge Alessandro Leogrande. “Uomini e caporali”: un libro che ha più di 15 anni e le cui storie, ad oggi, restano attuali. Nulla è cambiato. Alessandro non c'è più e le vite di tanti migranti vittime del caporalato ancora sopravvivono nei “ghetti della vergogna”. Raccogliere l'"oro rosso" è un lavoro durissimo che spezza la schiena e le braccia, ma viene pagato pochissimo. Sono lavoratori inquadrati in situazioni di vita e di lavoro addirittura precapitalistiche: alloggiati in ruderi fatiscenti, sono anche sottoposti alle vessazioni, spesso sadiche, dei "caporali", che offrono il loro lavoro a un mondo delle imprese che se ne serve per comprimere i costi.

Talvolta, questi nuovi "cafoni", così diversi dai "cafoni" di ieri, hanno anche difficoltà ad avere pagato quel poco che era stato pattuito. E alle proteste non di rado ci scappa il morto. Una situazione barbarica che flagella come un tumore sociale vaste aree dell'Italia, dove sembra essere del tutto assente lo stato di diritto, e dove vale la sola legge dell'esercizio della violenza bruta. Questo romanzo-inchiesta, un vero e proprio viaggio agli inferi, svela le vite, i destini personali e le dinamiche più profonde della faccia più "nera" del nostro Paese.

Dopo il reading di letture affidato a Piero D’Argento – formatore e studioso di politiche sociali e sociosanitarie, interessato ai processi di partecipazione e promozione del capitale sociale, e alle politiche di contrasto alle povertà - seguirà un momento conviviale con l’apericena targato #LaTéranga per continuare a dialogare e condividere dell’ottimo cibo.

Venerdì 19 luglio alle ore 21:00 sarà la volta dell’associazione “Il Nocciolo” che porterà nel cortile di via Quarti lo spettacolo: “Pensieri in prestito – idee di Faber e Gaber” - di Nicola Tortora; voce: Vincenzo Vasca; chitarra: Antonio Di Corato e percussioni: Max Sgaramella. Uno spettacolo, liberamente ispirato dal libro “Tu prova ad avere un’idea, ripensando a De André e Gaber”, nato dall’idea di mettere a confronto i due artisti anche se definirli tali oltre ad esser sbrigativo appare quanto meno incompleto.

La loro critica irriverente, il loro pensiero controcorrente e le loro azioni dissidenti nei confronti del sistema, inteso come potere, o verso la classe borghese, sono tratti tangibili a chi li ascolta, osserva e studia. Più precisamente Fabrizio De André attraverso la sua anarchia mai negata con il suo fare rude e diretto e, l’altro, Giorgio Gaber attraverso la sua critica radicale ed il suo sarcasmo caustico. Entrambi sulla strada del libero pensiero, hanno osservato e giudicato senza pregiudizi, cogliendo ogni tipo di contraddizione che la società gli mostrava.

Dopo lo spettacolo, seguirà un momento conviviale con l’apericena targato #LaTéranga e la sua valida occasione di confronto e di degustazione di piatti tipici dal mondo.

Venerdì 26 luglio alle ore 21:00 torna, come ogni mese, l’appuntamento con la cena #LaTéranga nel cortile di Casa Accoglienza. I piatti, che permetteranno di viaggiare in Africa, ma anche in Asia e, perché no, fare un giro attorno alle nostre terre con i prodotti dell’orto sociale Ubuntu (progetto #LaTéranga), saranno intervallati da momenti di confronto e di riflessione, leggera ma non troppo, delle storie di uomini; e che siano bianchi o neri, è un dettaglio di poco conto dal momento che a noi, a tutti noi, interessa l’umanità intera!

Saranno benvenuti tutti ai nostri eventi, anche coloro che mal pensano e che non disdegnano il confronto… la sfida è nelle vostre mani. Vi aspettiamo!

Per i singoli eventi è gradita la prenotazione 389/1764748 - 320/4799463.

Read more

La Téranga

#La Téranga

3 appuntamenti con la cucina dal mondo e la cultura dell’inclusione c/o la Casa Accoglienza "S.M. Goretti" della diocesi di Andria

Accogliere l’altro, ogni altro, è sempre una prova o una minaccia che genera paura e preoccupazione, l’unico modo per vincerla è l’incontro.

Il cortile di Casa Accoglienza “S.M. Goretti”, in via Quarti 11, nel cuore del centro storico andriese, sarà la cornice dei tre eventi di Luglio targati #LaTéranga, promossi dalla Comunità Migrantesliberi.

Approfittando delle belle serate estive, l’appuntamento con la cucina e le storie dal mondo si triplica e si arricchisce di ulteriori elementi che conferiscono all’evento un ulteriore elemento di originalità.

Primo appuntamento venerdì 12 luglio alle ore 19:00 Piero D’Argento legge Alessandro Leogrande. “Uomini e caporali”: un libro che ha più di 15 anni e le cui storie, ad oggi, restano attuali. Nulla è cambiato. Alessandro non c'è più e le vite di tanti migranti vittime del caporalato ancora sopravvivono nei “ghetti della vergogna”. Raccogliere l'"oro rosso" è un lavoro durissimo che spezza la schiena e le braccia, ma viene pagato pochissimo. Sono lavoratori inquadrati in situazioni di vita e di lavoro addirittura precapitalistiche: alloggiati in ruderi fatiscenti, sono anche sottoposti alle vessazioni, spesso sadiche, dei "caporali", che offrono il loro lavoro a un mondo delle imprese che se ne serve per comprimere i costi.

Talvolta, questi nuovi "cafoni", così diversi dai "cafoni" di ieri, hanno anche difficoltà ad avere pagato quel poco che era stato pattuito. E alle proteste non di rado ci scappa il morto. Una situazione barbarica che flagella come un tumore sociale vaste aree dell'Italia, dove sembra essere del tutto assente lo stato di diritto, e dove vale la sola legge dell'esercizio della violenza bruta. Questo romanzo-inchiesta, un vero e proprio viaggio agli inferi, svela le vite, i destini personali e le dinamiche più profonde della faccia più "nera" del nostro Paese.

Dopo il reading di letture affidato a Piero D’Argento – formatore e studioso di politiche sociali e sociosanitarie, interessato ai processi di partecipazione e promozione del capitale sociale, e alle politiche di contrasto alle povertà - seguirà un momento conviviale con l’apericena targato #LaTéranga per continuare a dialogare e condividere dell’ottimo cibo.

Venerdì 19 luglio alle ore 21:00 sarà la volta dell’associazione “Il Nocciolo” che porterà nel cortile di via Quarti lo spettacolo: “Pensieri in prestito – idee di Faber e Gaber” - di Nicola Tortora; voce: Vincenzo Vasca; chitarra: Antonio Di Corato e percussioni: Max Sgaramella. Uno spettacolo, liberamente ispirato dal libro “Tu prova ad avere un’idea, ripensando a De André e Gaber”, nato dall’idea di mettere a confronto i due artisti anche se definirli tali oltre ad esser sbrigativo appare quanto meno incompleto.

La loro critica irriverente, il loro pensiero controcorrente e le loro azioni dissidenti nei confronti del sistema, inteso come potere, o verso la classe borghese, sono tratti tangibili a chi li ascolta, osserva e studia. Più precisamente Fabrizio De André attraverso la sua anarchia mai negata con il suo fare rude e diretto e, l’altro, Giorgio Gaber attraverso la sua critica radicale ed il suo sarcasmo caustico. Entrambi sulla strada del libero pensiero, hanno osservato e giudicato senza pregiudizi, cogliendo ogni tipo di contraddizione che la società gli mostrava.

Dopo lo spettacolo, seguirà un momento conviviale con l’apericena targato #LaTéranga e la sua valida occasione di confronto e di degustazione di piatti tipici dal mondo.

Venerdì 26 luglio alle ore 21:00 torna, come ogni mese, l’appuntamento con la cena #LaTéranga nel cortile di Casa Accoglienza. I piatti, che permetteranno di viaggiare in Africa, ma anche in Asia e, perché no, fare un giro attorno alle nostre terre con i prodotti dell’orto sociale Ubuntu (progetto #LaTéranga), saranno intervallati da momenti di confronto e di riflessione, leggera ma non troppo, delle storie di uomini; e che siano bianchi o neri, è un dettaglio di poco conto dal momento che a noi, a tutti noi, interessa l’umanità intera!

Saranno benvenuti tutti ai nostri eventi, anche coloro che mal pensano e che non disdegnano il confronto… la sfida è nelle vostre mani. Vi aspettiamo!

Per i singoli eventi è gradita la prenotazione 389/1764748 - 320/4799463.

Read more

Il caffè della Parola ospita il poeta e paesologo Franco Arminio

Il caffè della Parola ospita il poeta e paesologo Franco Arminio, martedì 19 marzo ore 19.30 c/o libreria Persepolis, Andria

Si terrà martedì 19 marzo alle ore 19.30 presso la libreria Persepolis, in via Giovanni Bovio 81, ad Andria, nel mentre si sorseggia un caffè nero bollente o del thè dolce e profumato, il secondo evento in programma con "Il caffè della parola" promosso dall'Ufficio Migrantes della Diocesi di Andria e dall'ass. di volontariato Salah.

Gli incontri si terranno, alle ore 19:30, presso la libreria Persepolis,

Ospite d’onore, il poeta e paesologo, Franco Arminio che dialogherà con quanti vorranno prendere parte all’appuntamento.

Oggi più che mai viviamo in una società dove le parole subiscono digressioni volontarie finalizzate a fomentare le masse e, comunque, a creare consenso. Con Franco Arminio, nel secondo appuntamento con il “Caffè della Parola”, si affronterà il tema della parola abusata, talvolta maltrattata e denigrata, quella pedagogica e consolatrice. Il potere della stessa sotto il profilo politico, sociale e culturale.

Nella storia della religione la "parola" si fa ponte fra il divino e l'umano. Qual è l’evoluzione contemporanea del concetto? Questi e tanti altri gli argomenti che verranno affrontati in quello che già si preannuncia un appuntamento ricco di “parole gravide”.

A seguire, Franco Arminio sarà ospite d’onore nell’edizione straordinaria con la cena de “La Téranga” presso la mensa della carità della Casa Accoglienza “S. Maria Goretti”, in vai Quarti, 11 - Andria. Prenotazioni per la cena al 389 1764748

Arminio è nato e vive a Bisaccia, in provincia di Avellino. Collabora con "il manifesto", e "Il Fatto Quotidiano" ed è animatore del blog "Comunità Provvisorie”.

È documentarista e animatore di battaglie civili: si è battuto, ad esempio, contro l'installazione delle discariche in Alta Irpinia e contro la chiusura dell'ospedale di Bisaccia.

Nel 2009, con “Vento forte tra Lacedonia e Candela. Esercizi di paesologia”, ha vinto il premio Napoli. Nel luglio 2011, con “Cartoline dai morti” ha vinto il premio Stephen Dedalus per la sezione "Altre scritture". Con “Terracarne”, edito da Mondadori, ha vinto il premio Carlo Levi e il premio Volponi. Nel 2013 è uscito il suo ultimo libro di prosa “Geografia commossa dell'Italia interna”.

È il direttore artistico del Festival della paesologia "La Luna e i Calanchi" di Aliano. Nel 2015 ha fondato la "Casa della paesologia” a Trevico, il comune dell'Irpinia più elevato in altitudine nonché antica sede della Baronia.

Con questo ‘Caffè della Parola’ vogliamo riportare al centro di tutto la Parola di Dio. Comprendere i danni causati dalla sua assenza nell’ambito politico, nell’uso dei mezzi di comunicazione e nelle relazioni fra gli uomini e le donne; passando da tematiche più generali fino a toccare ambiti più piccoli e specifici.

Gli incontri si terranno, alle ore 19:30, presso la libreria Persepolis, in via Giovanni Bovio 81, ad Andria- , nel mentre si sorseggia un caffè nero bollente o del thè dolce e profumato Ingresso libero.

Info ; Tel. 320 47 99 462

Don Geremia Acri

Read more

CONTATTI

Piazza Vittorio Emanuele II, 23

76123 - Andria (BT)

tel. | fax

0883/59 25 96 - 0883/59 30 32

e-mail: