wrapper

Celebrazione eucaristica tradotta nella lingua dei segni

Celebrazione Eucaristica tradotta nella lingua dei segni
L’iniziativa è promossa dall’Ufficio Catechistico Diocesano

Domenica 22 dicembre si terrà alle ore 18.00, presso la chiesa Madonna di Pompei (via Valle d’Aosta 1 – Andria), la Celebrazione Eucaristica tradotta nella Lingua Italiana dei Segni (LIS). L’iniziativa è promossa dall’Ufficio Catechistico Diocesano ed è finalizzata a porre i sordi nelle condizioni di partecipare attivamente alla Celebrazione Domenicale.

Sono milioni le persone sorde in tutto il mondo e purtroppo non sempre ricevono i dovuti aiuti e strumenti per poter incontrare il Signore e partecipare, in maniera attiva, alla vita della comunità cristiana. É un’esigenza pastorale che richiede sensibilità per esprimere concretamente l’attenzione dovuta a tutti. L’iniziativa, in linea con le indicazioni del Vescovo di Andria Mons. Luigi Mansi, vuole essere un gesto concreto perché cresca la sensibilità per una pastorale sempre più accessibile e la Chiesa locale diventi realmente una comunità inclusiva, nella quale ci sia posto per tutti e tutti possano sentirsi pienamente integrati.

Negli Orientamenti per la catechesi “Incontriamo Gesù”, i Vescovi Italiani invitano infatti a “rafforzare e diffondere nelle diverse diocesi la cura di percorsi catechistici inclusivi per persone che presentano disabilità assicurando nel contempo che possano realmente partecipare alla liturgia domenicale e testimoniare, attraverso la loro condizione, il dono e la gioia della fede nonché l’appartenenza piena alla comunità cristiana”.

La Celebrazione Eucaristica tradotta nella lingua italiana dei segni, sarà trasmessa in diretta su Teledheon (canale 18) e si ripeterà a cadenza mensile secondo il seguente calendario: 26 gennaio; 23 febbraio; 29 marzo; 26 aprile; 31 maggio.

Read more

Celebrazione eucaristica tradotta nella lingua dei segni

Celebrazione Eucaristica tradotta nella lingua dei segni
L’iniziativa è promossa dall’Ufficio Catechistico Diocesano

Domenica 22 dicembre si terrà alle ore 18.00, presso la chiesa Madonna di Pompei (via Valle d’Aosta 1 – Andria), la Celebrazione Eucaristica tradotta nella Lingua Italiana dei Segni (LIS). L’iniziativa è promossa dall’Ufficio Catechistico Diocesano ed è finalizzata a porre i sordi nelle condizioni di partecipare attivamente alla Celebrazione Domenicale.

Sono milioni le persone sorde in tutto il mondo e purtroppo non sempre ricevono i dovuti aiuti e strumenti per poter incontrare il Signore e partecipare, in maniera attiva, alla vita della comunità cristiana. É un’esigenza pastorale che richiede sensibilità per esprimere concretamente l’attenzione dovuta a tutti. L’iniziativa, in linea con le indicazioni del Vescovo di Andria Mons. Luigi Mansi, vuole essere un gesto concreto perché cresca la sensibilità per una pastorale sempre più accessibile e la Chiesa locale diventi realmente una comunità inclusiva, nella quale ci sia posto per tutti e tutti possano sentirsi pienamente integrati.

Negli Orientamenti per la catechesi “Incontriamo Gesù”, i Vescovi Italiani invitano infatti a “rafforzare e diffondere nelle diverse diocesi la cura di percorsi catechistici inclusivi per persone che presentano disabilità assicurando nel contempo che possano realmente partecipare alla liturgia domenicale e testimoniare, attraverso la loro condizione, il dono e la gioia della fede nonché l’appartenenza piena alla comunità cristiana”.

La Celebrazione Eucaristica tradotta nella lingua italiana dei segni, sarà trasmessa in diretta su Teledheon (canale 18) e si ripeterà a cadenza mensile secondo il seguente calendario: 26 gennaio; 23 febbraio; 29 marzo; 26 aprile; 31 maggio.

Read more

La cultura delle neurodiversità

La cultura delle neurodiversità
Si conclude il corso di formazione sulla pratica dell’inclusione di ragazzi autistici

Si terrà venerdì 13 dicembre alle ore 19.00 presso l’Opera Diocesana “Giovanni Paolo II” in via Bottego 36, l’ultimo incontro del corso di formazione sulla pratica dell’inclusione di ragazzi che vivono la condizione dello spettro autistico. Il corso è promosso dall’Ufficio Catechistico Diocesano il cui Direttore è don Gianni Massaro e dalla Fondazione Pugliese per le Neurodiversità il cui Presidente è l’Avv. Francesco Bruno.
Papa Francesco lo scorso 3 dicembre, in occasione della giornata mondiale delle persone con disabilità, ha ricordato che “la promozione dei diritti alla partecipazione ha un ruolo centrale per contrastare ogni discriminazione e promuovere la cultura dell’incontro e della vita di qualità. Occorre prendersi cura e – ha rimarcato il Santo Padre – accompagnare le persone con disabilità in ogni condizione di vita; fare strada insieme a loro e ungerle di dignità per una partecipazione attiva alla comunità civile ed ecclesiale”.

Il corso ha proprio la finalità di aiutare i catechisti a sviluppare un approccio empatico con chi vive la condizione dello spettro autistico e così rispondere al desiderio del nostro Vescovo Mons. Luigi Mansi di vedere una comunità diocesana che “sia sempre più inclusiva, capace di accoglienza premurosa e attenta verso tutti soprattutto verso chi vive situazioni di disagio”.
L’avv. Francesco Bruno si è detto molto soddisfatto della collaborazione con l’Ufficio Catechistico sottolineando che “la mission della Fondazione Pugliese è soprattutto quella di inculcare la cultura delle neurodiversità. L’autismo sta diventando uno spettro che non fa più paura perché grazie alla promozione della formazione e dell’informazione, si stanno sfatando tabù che imprigionano chi vive questa condizione e lo portano ad isolarsi”.

Il corso è guidato, con competenza e professionalità, dalla dott.ssa Erica Lacerenza e dal dott. Fabio Cardone che oltre a dare informazioni sulle tante sfaccettature dello spettro autistico e rispondere alle numerose domande dei catechisti che seguono gli incontri con grande passione e interesse, stanno offrendo indicazioni precise e dettagliate su come relazionarsi con i ragazzi autistici.
La dott.ssa Lacerenza e il dott. Cardone hanno sottolineato a più riprese che l’autismo non è una malattia bensì una condizione esistenziale che sollecita chiunque a divenire partner comunicativo di coloro che la vivono. L’autistico percepisce se lo si tratta come “autistico da dizionario” o se ci si predispone per cercare di sentire le sue emozioni e comprendere le sue reazioni, lasciandogli la possibilità di avere un altro modo di vedere e pensare. Causa di dolore per i neurodiversi è il non sentirsi accettati nonché la tristezza di non vedersi riconosciuti come persone, perché solo chi si sente riconosciuto si sente anche degno e felice di vivere.

Il 17 aprile 2020, sempre presso l’Opera Diocesana “Giovanni Paolo II”, Mons. Luigi Mansi consegnerà ai catechisti che hanno partecipato al corso, un attestato di partecipazione. L’occasione sarà propizia per vivere insieme un momento di confronto e verifica delle nozioni acquisite durante gli incontri e messe in pratica nella relazione con i ragazzi autistici che frequentano le comunità parrocchiali.

Don Gianni Massaro
Direttore Ufficio Catechistico – Diocesi di Andria

Read more

La cultura delle neurodiversità

La cultura delle neurodiversità
Si conclude il corso di formazione sulla pratica dell’inclusione di ragazzi autistici

Si terrà venerdì 13 dicembre alle ore 19.00 presso l’Opera Diocesana “Giovanni Paolo II” in via Bottego 36, l’ultimo incontro del corso di formazione sulla pratica dell’inclusione di ragazzi che vivono la condizione dello spettro autistico. Il corso è promosso dall’Ufficio Catechistico Diocesano il cui Direttore è don Gianni Massaro e dalla Fondazione Pugliese per le Neurodiversità il cui Presidente è l’Avv. Francesco Bruno.
Papa Francesco lo scorso 3 dicembre, in occasione della giornata mondiale delle persone con disabilità, ha ricordato che “la promozione dei diritti alla partecipazione ha un ruolo centrale per contrastare ogni discriminazione e promuovere la cultura dell’incontro e della vita di qualità. Occorre prendersi cura e – ha rimarcato il Santo Padre – accompagnare le persone con disabilità in ogni condizione di vita; fare strada insieme a loro e ungerle di dignità per una partecipazione attiva alla comunità civile ed ecclesiale”.

Il corso ha proprio la finalità di aiutare i catechisti a sviluppare un approccio empatico con chi vive la condizione dello spettro autistico e così rispondere al desiderio del nostro Vescovo Mons. Luigi Mansi di vedere una comunità diocesana che “sia sempre più inclusiva, capace di accoglienza premurosa e attenta verso tutti soprattutto verso chi vive situazioni di disagio”.
L’avv. Francesco Bruno si è detto molto soddisfatto della collaborazione con l’Ufficio Catechistico sottolineando che “la mission della Fondazione Pugliese è soprattutto quella di inculcare la cultura delle neurodiversità. L’autismo sta diventando uno spettro che non fa più paura perché grazie alla promozione della formazione e dell’informazione, si stanno sfatando tabù che imprigionano chi vive questa condizione e lo portano ad isolarsi”.

Il corso è guidato, con competenza e professionalità, dalla dott.ssa Erica Lacerenza e dal dott. Fabio Cardone che oltre a dare informazioni sulle tante sfaccettature dello spettro autistico e rispondere alle numerose domande dei catechisti che seguono gli incontri con grande passione e interesse, stanno offrendo indicazioni precise e dettagliate su come relazionarsi con i ragazzi autistici.
La dott.ssa Lacerenza e il dott. Cardone hanno sottolineato a più riprese che l’autismo non è una malattia bensì una condizione esistenziale che sollecita chiunque a divenire partner comunicativo di coloro che la vivono. L’autistico percepisce se lo si tratta come “autistico da dizionario” o se ci si predispone per cercare di sentire le sue emozioni e comprendere le sue reazioni, lasciandogli la possibilità di avere un altro modo di vedere e pensare. Causa di dolore per i neurodiversi è il non sentirsi accettati nonché la tristezza di non vedersi riconosciuti come persone, perché solo chi si sente riconosciuto si sente anche degno e felice di vivere.

Il 17 aprile 2020, sempre presso l’Opera Diocesana “Giovanni Paolo II”, Mons. Luigi Mansi consegnerà ai catechisti che hanno partecipato al corso, un attestato di partecipazione. L’occasione sarà propizia per vivere insieme un momento di confronto e verifica delle nozioni acquisite durante gli incontri e messe in pratica nella relazione con i ragazzi autistici che frequentano le comunità parrocchiali.

Don Gianni Massaro
Direttore Ufficio Catechistico – Diocesi di Andria

Read more

CONTATTI

Piazza Vittorio Emanuele II, 23

76123 - Andria (BT)

tel. | fax

0883/59 25 96 - 0883/59 30 32

e-mail: