wrapper

III Anniversario dell'ordinazione episcopale di Mons. Luigi Mansi - Vescovo di Andria

III Anniversario dell’ordinazione episcopale di Mons. Luigi Mansi, Vescovo di Andria, la celebrazione, della Santa Messa, nella Chiesa Cattedrale di Andria - Mercoledì 13 Marzo 2019 alle ore 19:30

Tre anni fa, il 12 marzo 2016, nella splendida Cattedrale San Pietro Apostolo in Cerignola, il Vescovo Luigi Mansi riceveva con l’ordinazione episcopale e in occasione del terzo anniversario della sua ordinazione, la comunità diocesana, con la Celebrazione Eucaristica, che si terrà mercoledì 13 marzo 2019 alle ore 19:30 presso la Chiesa Cattedrale di Andria, si unirà al proprio Pastore nel rendimento di grazie al Signore per il dono del Ministero Episcopale.

La Chiesa di Andria si stringe attorno al suo pastore, elevando al Signore il ringraziamento e la gratitudine per il prezioso ministero alla guida della Diocesi di Andria.

Gli auguri più sinceri per un fecondo ministero da parte dei Presbiteri, dei Diaconi, dei Religiosi e Religiose, dei Laici, degli operatori pastorali, dalle Associazioni, dai Movimenti ecclesiali e dai fedeli tutti: uniti nella preghiera di lode per il dono ricevuto con il Vescovo Mansi, segno di unità e di servizio del “buon pastore” che ama il suo gregge a lui affidatogli.

La Messa sarà trasmessa in diretta su Tele Dehon a partire dalle ore 19:30

Puglia canale 18 e in hd sul 518

Basilicata canale 18 e in hd sul 518

Calabria canale 272 e 690

Campania canale 628

Read more

III Anniversario dell'ordinazione episcopale di Mons. Luigi Mansi - Vescovo di Andria

III Anniversario dell’ordinazione episcopale di Mons. Luigi Mansi, Vescovo di Andria, la celebrazione, della Santa Messa, nella Chiesa Cattedrale di Andria - Mercoledì 13 Marzo 2019 alle ore 19:30

Tre anni fa, il 12 marzo 2016, nella splendida Cattedrale San Pietro Apostolo in Cerignola, il Vescovo Luigi Mansi riceveva con l’ordinazione episcopale e in occasione del terzo anniversario della sua ordinazione, la comunità diocesana, con la Celebrazione Eucaristica, che si terrà mercoledì 13 marzo 2019 alle ore 19:30 presso la Chiesa Cattedrale di Andria, si unirà al proprio Pastore nel rendimento di grazie al Signore per il dono del Ministero Episcopale.

La Chiesa di Andria si stringe attorno al suo pastore, elevando al Signore il ringraziamento e la gratitudine per il prezioso ministero alla guida della Diocesi di Andria.

Gli auguri più sinceri per un fecondo ministero da parte dei Presbiteri, dei Diaconi, dei Religiosi e Religiose, dei Laici, degli operatori pastorali, dalle Associazioni, dai Movimenti ecclesiali e dai fedeli tutti: uniti nella preghiera di lode per il dono ricevuto con il Vescovo Mansi, segno di unità e di servizio del “buon pastore” che ama il suo gregge a lui affidatogli.

La Messa sarà trasmessa in diretta su Tele Dehon a partire dalle ore 19:30

Puglia canale 18 e in hd sul 518

Basilicata canale 18 e in hd sul 518

Calabria canale 272 e 690

Campania canale 628

Read more

Messaggio Quaresima 2019

Quaresima, tempo di conversione

Siamo giunti anche quest’anno alla Quaresima, tempo che inizia il mercoledì delle Ceneri e che ci porterà alla santa Pasqua. Chiediamoci subito: quali sono gli atteggiamenti interiori con i quali il Signore ci chiede di vivere questa santa Quaresima, nel desiderio e con tutti i relativi propositi per far sì che sia fruttuosa per la nostra vita di fede e, per conseguenza per la nostra vita di Chiesa? Io direi che gli atteggiamenti più giusti ce li indica proprio la parola di Dio che ascoltiamo nel giorno delle Ceneri e che poi ci accompagnerà giorno per giorno, soprattutto le domeniche.

La spiritualità cristiana, come ben sappiamo, ci presenta la Quaresima come un tempo nel quale c’è da mettere in campo una seria revisione della nostra vita, chiedendoci se è fedele al Vangelo, se lo incarna in maniera vera e credibile.

Mi soffermo in modo particolare sul brano evangelico, che si legge, appunto, nel giorno delle Ceneri, tratto dal Discorso della Montagna, lasciatoci dall’Evangelista Matteo. Lì Gesù ci porta con parole chiare e forti, senza metafore e senza giri di parole, al cuore della nostra vita di fede, e ci invita a porci in maniera coraggiosa una domanda fondamentale che potremmo così indicare: “Com’è la mia vita cristiana? È vera o è falsa? È solo apparenza, o parte e raggiunge in maniera piena il mio cuore?”. E ancora: “È solida e consistente oppure superficiale, solo esteriore e approssimativa?”.

Non sono domande da poco e soprattutto non possiamo dare ad esse risposte scontate. Dobbiamo, invece, tutti, fare – direi ogni giorno, continuamente - un serio esame di coscienza.

Tornando al brano evangelico del giorno delle Ceneri prendiamo molto sul serio l’invito di Gesù innanzitutto a domandarci se noi compiamo le opere della fede “davanti agli uomini”, cioè per apparire, far bella figura, ricevere approvazione e consensi, oppure perché ci crediamo veramente. Le parole di Gesù sono inequivocabili: “State attenti a non praticare la vostra giustizia davanti agli uomini per essere ammirati da loro, altrimenti non c’è ricompensa per voi presso il Padre vostro che è nei cieli”.

E, come per tracciare un itinerario concreto di questa revisione di vita Gesù indica tre situazioni emblematiche, che riassumono in qualche modo tutta la vita ed anche, per noi preti, tutto il nostro ministero:

1. Primo ambito: la Carità. “Quando fai l’elemosina, non suonare la tromba davanti a te, come fanno gli ipocriti nelle sinagoghe e nelle strade, per essere lodati dalla gente”. Gesù non va per il sottile, le parole sono dure e fanno pensare. Quel “suonare la tromba davanti a te” ci dice che certamente si fa molta carità nella nostra vita, e nella nostra Chiesa, ma forse e senza forse, suoniamo spesso troppe trombe su quello che facciamo. Gesù dice, invece: “non sappia la tua destra quello che fa la tua sinistra”, non dobbiamo mai cessare, sia in quanto cristiani che poi in quanto ministri ordinati, di imparare a fare il bene per la sola gioia di fare il bene, e non perché qualcuno ci deve notare e ci deve dire “bravo” o “grazie!”, o peggio ancora ci deve “promuovere”.

2. Secondo ambito: la Preghiera. “Quando pregate, dice Gesù, non siate simili agli ipocriti che nelle sinagoghe o negli angoli delle piazze, amano pregare stando ritti per essere visti dalla gente…”. Domandiamoci: Quanta parte dei nostri riti si fanno quasi solo perché “bisogna rispettare le tradizioni” e non perché cogliamo veramente e fino in fondo i significati più veri e profondi dei gesti e delle tradizioni stesse per la vita concreta di ciascuno di noi? Avvicinandosi la Pasqua, si mette in moto tutta una ritualità che, ad esempio fa riferimento alla Passione di Gesù: Via Crucis, processioni, passioni viventi e cose simili. Ma tutto questo lo facciamo perché desideriamo di ricavare noi, insieme con i nostri fedeli un vero frutto spirituale o perché poi ci dobbiamo dire con una buona dose di autocompiacimento: “Quanto è stato bello”? E in queste circostanze, domandiamoci, si respira un vero clima di preghiera o molto più semplicemente quello di una sacra rappresentazione? C’è da dirci, perciò, che in Quaresima dobbiamo tutti fare una seria verifica della vita di preghiera, innanzitutto a livello personale ( La Liturgia delle ore, il Rosario, l’Adorazione eucaristica, la Meditazione sulla Parola…), ma poi anche comunitario ed ecclesiale nel suo insieme.

3. Terzo ambito: il digiuno. Si dice che in Quaresima dobbiamo fare qualche gesto penitenziale che ci ricordi il valore della rinuncia e che dobbiamo anche in questo prendere esempio da Gesù. Giusto! Anche qui, però, occorre ricordare sempre che lo scopo non è quello di allinearsi ad una tradizione, sbandierando a destra e a manca che stiamo facendo gesti di digiuno, privandoci di qualcosa che ci piace, ma essere veramente convinti del valore educativo della rinuncia. Ma non solo nel cibo, anche in ogni altro ambito. Il digiuno, la privazione ci aiuta a ricordarci meglio che cosa è veramente necessario e che cosa è assolutamente un di più che perciò non deve mai diventare tanto importante da farci perdere di vista le cose essenziali. Parlare di digiuno vuol dire provare a far verifica ed eventualmente riscrivere, ciascuno per sé e poi anche come comunità, l’elenco ordinato delle cose importanti, mettendo ai primi posti ciò che veramente merita i primi posti, e poi, via via, tutto il resto. E se c’è da correggere qualcosa, anche con scelte eventualmente coraggiose e dolorose, questo è il tempo per farlo e per farlo bene, “nel segreto”, come dice Gesù; in profondità, ci permettiamo di aggiungere noi.

Buon cammino a tutti, e fin da ora: Buona PASQUA!

Vostro

+ Don Luigi Mansi

Read more

Convegno sulla Pastorale Familiare 20-22 Febbraio 2019

Dal 20 al 22 Febbraio 2019, presso la parrocchia Madonna della Grazia, Via Mons. Giuseppe Ruotolo - Andria, si terrà il

CONVEGNO DIOCESANO SULLA PASTORALE DELLA FAMIGLIA.

"Il rinnovamento della Chiesa, lo si voglia o no, passa per la famiglia. Essa rappresenta la sfida cruciale per rilanciare un’evangelizzazione a tutto campo. Come agli inizi dell’avventura cristiana la famiglia è stata fondamentale per l’evangelizzazione e la diffusione della fede nel Crocifisso Risorto, così oggi l’attenzione e la proposta di vita cristiana alle famiglie non possono e non devono mancare".

- Mercoledì 20 febbraio, prima serata del convegno interverrà:

don Paolo Gentili, direttore nazionale dell'Ufficio della Conferenza Episcopale Italiana di pastorale familiare, su il "mistero della Chiesa che si manifesta in modo genuino attraverso la famiglia cristiana, che lo manifesta in modo genuino" (Amoris Laetitia n. 67) .

- Giovedì 21 febbraio interverrà:

don Gabriele Pipinato, Vicario per i beni temporali della Chiesa ed Economo della diocesi di Padova, già missionario fidei donum in Kenya, rileggerà alcuni progetti diocesani proposti dalla Caritas negli anni e richiamati dal Vescovo nella sua lettera pastorale “Date voi stessi da mangiare”.

A partire dall’esperienza missionaria sarà evidenziato il ruolo e l’importanza della comunità cristiana e al suo interno delle singole famiglie, sia di coloro che sono nelle condizioni di prestare aiuto, sia di coloro che chiedono sostegno.

L'incontro avrà come titolo "Attivare reti a sostegno della famiglia". È compito dell’intera comunità cristiana occuparsi di tutti i membri della parrocchia, soprattutto dei soggetti più deboli. animare le comunità perché nessuno resti escluso.

- Venerdì 22 febbraio, Mons. Luigi Mansi, Vescovo della Diocesi di Andria, presenterà gli orientamenti per la pastorale familiare, “documento-base”, pubblicato recentemente.

"Ogni comunità parrocchiale, ogni associazione e movimento ecclesiale, con la ricchezza dei carismi e ministeri, è chiamata ad essere il segno visibile della tunica di Nostro Signore e della promessa di comunione che quel tessuto esprime (cfr. Gv 19, 23-24)".

Don Domenico Massaro

Direttore Ufficio per pastorale familiare | Diocesi di Andria

Read more

CONTATTI

Piazza Vittorio Emanuele II, 23

76123 - Andria (BT)

tel. | fax

0883/59 25 96 - 0883/59 30 32

e-mail: