Decreto assoluzione a più penitenti

Facebooktwittermail

DECRETO

Assoluzione a più penitenti

senza previa confessione individuale

 CONSIDERATO quanto indicato nella Nota della Penitenzieria Apostolica in data 19 marzo 2020 e l’indirizzo orientativo offerto dalla Presidenza della CEI, quale servizio per le Diocesi in Italia.
VISTI i canoni 961-962 del Codice di Diritto Canonico e i nn. 31-35 del Rito della penitenza;
VALUTATE le circostanze straordinarie in cui si trova anche la nostra Diocesi in questa grave epidemia virale;
Con il presente

DECRETO

dispongo

 che i sacerdoti assistenti religiosi presso le strutture, i presidi ospedalieri e le case di cura possano impartire l’assoluzione a più penitenti senza previa confessione individuale quando gli ammalati ivi ricoverati siano in pericolo di vita o si trovino in reparti in cui non sia possibile garantire il segreto della confessione e le adeguate misure sanitarie.
L’assoluzione può essere impartita anche al personale sanitario che ne faccia richiesta.
Si provveda a impartire l’assoluzione in modo che i presenti possano ascoltare le parole del sacerdote, rispettando, per quanto possibile, le sensibilità dei non credenti o di chi non sia cristiano.
I penitenti, per quanto possibile siano in qualche modo avvisati delle condizioni previste per ricevere l’assoluzione: il pentimento per i propri peccati e il proposito di confessare quelli gravi quando, superate le attuali circostanze o riottenuta la salute, si potrà accedere alla confessione individuale.
Al termine delle circostanze straordinarie e di emergenza a causa della grave epidemia Covid-19, sarà emanato un decreto che indicherà la scadenza di tale disposizione.

Dato in Andria, dalla Sede Vescovile, il 23 marzo 2020.

+ Luigi Mansi

Vescovo

Il Pro Cancelliere Vescovile

   Sac. Leonardo Lovaglio